Mercoledì, 17 Febbraio 2010 20:55

Appunti di viaggio: nuova lettera di Pino Picone

Scritto da  Gerardo

Dopo l'incontro-intervista con Gladys Sannemann, a proposito degli anni dell'"Operativo Condor", Pino Picone ci manda una lettera, a render conto della successiva conversazione, tenutasi con Domingo Rivarola, professore di sociologia, presso l'Università del Paraguay. Questa volta si spazia dalla riforma agraria, a Lugo, al ruolo della Chiesa nell'indebolimento della dittatura.



Diario dal Paraguay
Giovedì 11 febbraio 2010


Incontro con Domingo Rivarola

Incontriamo Domingo Rivarola, professore di sociologia, presso l'Istituto universitario per il quale lavora. È un signore attempato, con una bella faccia da europeo, sulla quale il sole dei tropici ha lasciato comunque il suo segno. Nei suoi studi si occupa prevalentemente di Chiesa Cattolica e in particolare dei rapporti tra Chiesa Cattolica e mondo contadino. Quindi, inevitabilmente, in Paraguay, di riforma agraria. Problematiche fondamentali per lo sviluppo del Paraguay. Ricorda il ruolo importante avuto dalla Chiesa Cattolica nell’indebolimento della dittatura. Parla anche dell'ex-vescovo Fernando Lugo, da un anno e mezzo Presidente del Paraguay. Da un convinto appoggio iniziale (sembra che abbia rifiutato la carica di ministro), il prof. Rivarola si è via via distaccato da Lugo e dal suo governo, che ritiene entrambi non all'altezza della grave situazione del Paraguay. Di diverso e opposto avviso si era dichiarata la dottoressa Sannemann.

Incalzato da alcune domande di Arnaldo Nesti, in particolare sulle attività delle sette protestanti, Rivarola ne spiega il rapido sviluppo in Paraguay (come nel resto dell'America Latina) innanzitutto per la grande capacità operativa, sostenuta da una notevole disponibilità finanziaria. La penetrazione è stata agevolata, soprattutto nelle campagne, dalla rapida diffusione dei sistemi di comunicazione di massa (Tv in primo luogo). Quindi, dalla grave crisi della identità cattolica in ambito rurale. Questa crisi è profonda. Provocando in primo luogo la caduta verticale delle vocazioni sacerdotali. Tale crisi ha messo a nudo una Chiesa dedita a vecchi riti e burocratizzata. Di fronte a tutto ciò le sette protestanti hanno offerto e offrono una ondata di "novità" e una sorta di nuova protezione.
Parallelamente si registra una profonda crisi dei partiti politici.
Socialmente sta succedendo questo: si è passati da una povertà rurale (ma che garantiva in qualche modo un sostentamento), a una povertà urbana o semiurbana, fatta di disperazione e assoluta mancanza di sostentamento.
Racconta infine le sue origini italiane. I Rivarola provengono da Napoli o comunque dal Sud d'Italia. Non vogliono perdere questo legame e a tal proposito stanno scrivendo un libro sulla loro famiglia.

Giuseppe Picone

Letto 168 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici