Lunedì, 31 Marzo 2014 12:34

“Europa: stato delle cose e destino”. Un testo di Vittorio Campanelli

Scritto da  Gerardo

In vista della conferenza su Europa: stato delle cose e destino, dopo il cap. 5 dell’ultimo libro di V. Dastoli e Santaniello, sull’Europa, pubblichiamo alcune note di Vittorio Campanelli, in cui si mostra la sfida politica nella complessità istituzionale.



Abbiamo a che fare con un programma politico per la prossima legislatura del Parlamento Europeo e di tutta l’Unione. Questa sorta di Agenda è propugnata dal Partito Socialista europeo, dal Movimento Federalista europeo e dal PD. In pratica è l’immagine del percorso che dovrà fare l’Europa in versione progressista, solidale.
L’alternativa è quella neoliberista che nell’ultimo decennio ci ha portato al baratro della crisi finanziaria mondiale. In realtà l’Unione europea è un unicum, la si inventa giorno per giorno. Ed è una costruzione giuridica ed istituzionale talmente solida che neanche i neoliberisti attualmente al comando sono riusciti a demolirla. L’hanno frenata. E bisogna farla ripartire.
Qualcuno s’avventura ad affermare che non tutti i paesi europei soffrono la crisi e vantano la Germania (che vende in Cina); ma è risaputo che anche in questo paese, la tenuta dell’economia e l’accumulo del disavanzo, è pagato dai lavoratori il cui salario è diminuito negli ultimi anni.
Spero che questa lettura appassioni tanti come ha appassionato me.

V.B.
Letto 1085 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici