Lunedì, 16 Dicembre 2013 16:55

Povertà e rivolta

Scritto da  Gerardo

A Torino, il 9 dicembre, al primo colpo d’occhio, quel che appariva non sembrava “una massa di fasci­sti. E nem­meno di tep­pi­sti di qual­che clan spor­tivo. E nem­meno di mafiosi o camor­ri­sti, o di eva­sori impu­niti. La prima impres­sione, super­fi­ciale, epi­der­mica, fisio­gno­mica è stata quella di una massa di poveri”.
Sul sito di Alba, nuovo soggetto politico, segnaliamo l’articolo di Marco Revelli (Il manifesto) dal titolo L’invisibile popolo dei nuovi poveri.
Letto 1079 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici