Martedì, 31 Ottobre 2017 17:54

Seminario su Brandani e Rosadoni. Comunicato finale

Scritto da 

Oltre trenta partecipanti al seminario dedicato a don Bruno Brandani e a don Luigi Rosadoni hanno potuto ricordare queste due eminenti figure del "cattolicesimo inquieto fiorentino" della seconda metà del Novecento. Il comunicato e un gran numero di fotografie dell’evento.


Comunicato stampa finale

Si è chiusa la mostra dedicata a Padre Ernesto Balducci. I sangimignanesi e i visitatori della Sala di Cultura di San Gimignano hanno avuto la felice occasione di ripercorrere la vita di questo grande personaggio della seconda metà del Novecento, così come sabato 28 al piano di sopra dove era ospitata la Mostra, gli oltre 30 partecipanti del Seminario dedicato a don Bruno Brandani e a don Luigi Rosadoni hanno potuto ricordare queste altre due eminenti figure del "cattolicesimo inquieto fiorentino" di quegli anni.

Il Centro Internazionale di Studi sul Religioso Contemporaneo/CISRECO di San Gimignano continua ad insistere sul ricordo e sul recupero dell’opera e del pensiero di tali figure. In particolare nel Seminario di Sabato scorso sono state le persone da sempre a fianco di don Bruno Brandani e di don Luigi Rosadoni a fare questa operazione non di nostalgia ma di rivisitazione e ricollocazione dell’operato loro nella congerie della vita religiosa e sociale di oggi.

Questi uomini, insieme ad altri uomini e altre donne del loro tempo segnarono uno spartiacque tra quella che era la Chiesa e la società di allora (tutta intrisa di formalismo tridentino, di pratica religiosa esteriore, di feroce divisione di classe e di una cappa gerarchica irrespirabile) e l’indicazione e il tentativo di costruire una chiesa e una società aperta, libera, plurale. Anticipando e aprendo la strada al pontificato innovatore di Giovanni XXIII e al Concilio Vaticano II.

Alessandro Dini ha ben tratteggiato i caratteri salienti di questa salutare azione e di questo passaggio verso un nuovo cammino della umanità e non solo in senso religioso. L’onda lunga di questa alacre operosità giungerà sino alla rivolta giovanile studentesca e operaia del Sessantotto. Non a caso uno testi di riferimento di quei giovani: “Lettera ad una professoressa” era nato non nella testa solitaria di un grande filosofo o di un politico rivoluzionario, bensì nell’aia di una sperduta chiesa della campagna toscana, scritto, soppesando parola per parola, da un gruppetto di ragazzi figli di contadini riunitisi attorno ad un prete di nome Lorenzo Milani.

Hanno arricchito (e corroborato e completato) la relazione di Alessandro Dini le numerose testimonianze degli amici di don Bruno Brandani (riuniti nel Gruppo Biblico di Rignalla) e la Comunità delle Resurrezione fondata da Luigi Rosadoni. Gli intervenuti si sono dati appuntamento ad una prossima nuova iniziativa promossa dal CISRECO per continuare a far circolare quella aria nuova che quelle eminenti personalità (insieme ad altre numerose che verranno via via studiate e riportate doverosamente all’attenzione di noi tutti) hanno cercato di istillare in istituzioni, uomini e donne degni del Nuovo Millennio.

 

Segreteria organizzativa
Centro Internazionale di Studi sul Religioso Contemporaneo
C.P. 11 – Via San Giovanni, 38 – 53037 San Gimignano (SI)
Tel.: 0577 906102
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Sito Internet: www.asfer.it

Da qui puoi scaricare il comunicato stampa finale in versione PDF

 

L'introduzione di Arnaldo Nesti

 

Il pubblico

 

Brenzini

 

Alessandro Dini

 

Scifo

 

Testimonianze

 

 

 

 

 

 

 

Letto 131 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici