Martedì, 26 Gennaio 2016 13:50

Verso la piazza del 30 gennaio

Scritto da 

Trasmettiamo uno scambio tra una lettrice di Asfer.it e il nostro Direttore, in meritoria rapporti tra Stato e Chiesa, alla laicità, alle unioni civili e alla posizione du Papa Francesco su questo argomento.
Buona lettura!

Caro direttore, seguo attentamente la pubblicazione di “Asfer.it” in modo particolare le note che riguardano le relazione fra chiesa e società contemporanea. Da tempo alla Camera dei deputati e sulla stampa è in corso una forte discussione in materia familiare. A me pare che è intrisa di ipocrisia questa falsa discussione fatta apposta per il manicheismo: pro o contro. E non serve a niente, proprio a niente, tirare in ballo il Papa o Mattarella, contare quanti erano a Piazza della Scala Milano. Neppure serve spostare la discussione sui bambini che, ovviamente, devono essere difesi nonostante la disuguaglianza di principio.
A me pare che la Libertà, la laicità, questo è il punto. Al di là delle ipocrisie i nostri legislatori devono dire con coraggio da che parte stanno. Mi pare che la piazza del 30 gennaio potrebbe essere decisiva. Riporterà indietro la storia? A qualcuno le parole di papa Francesco sulla differenza fra la famiglia e le unioni di altro tipi sono suonate come una conferma che la novità del pontificato è solo apparente. Altri invece riconoscono questa novità ma su questo terreno lo vedono in contraddizione, come se fissasse limiti ad una misericordia che lui stesso definisce illimitata. Altri cercano di giustificarlo, sottolineanfdo che al Papa interessa avviare dibattiti piuttosto che imporre decisioni. Conclusione apparentemente inevitabile: il pontificato di Francesco sta perdendo smalto.
Che dire? Sarei contenta di avere una sua opinione. Grazie.

Rosetta Pangalli



Risposta del Direttore

La questione che lei pone è indubbiamente è molto complessa.Vorrei solo dirle che le differenze tra ieri e oggi sono profonde. Mi fa piacere riportarle la posizione di un illustre amico riportate su “Repubblica” del 25 gennaio u.s.
Personalmente le ritengo condivisibili. (A.N.)

Dopo le piazze laiche, la piazza cattolica. Ancora una volta cattolici contro laici e viceversa? La discussione sulle unioni civili sembra, per molti versi, un déjà vu. A qualcuno le parole di Francesco sulla differenza tra la famiglia e le unioni di altro tipo sono suonate come una conferma che la novità del pontificato è solo apparente. Altri invece riconoscono questa novità ma su questo terreno lo vedono in contraddizione, come se fissasse limiti ad una misericordia che lui stesso definisce illimitata. Altri ancora cercano di giustificarlo, sottolineando che al Papa interessa avviare dibattiti piuttosto che imporre decisioni. Conclusione apparentemente inevitabile: il pontificato di Francesco sta perdendo smalto. Ma le differenze tra ieri ed oggi sono profonde. Lo dimostra il confronto tra il Family day del 2007, che affossò i Dico del governo Prodi, e la manifestazione del prossimo 30 gennaio, in coincidenza con la legge sulle unioni civili. C'è chi pensa che l' iniziativa di sabato sarò una replica della precedente, ma non è così. Nel 2007, mentre era papa Benedetto XVI, la regia del Family day fu di Camillo Ruini, Presidente della Cei; alle associazioni del laicato cattolico fu imposto di partecipare; oratore di quella giornata fu Savino Pezzotta che era stato relatore ufficiale al Convegno nazionale della Chiesa italiana l' anno prima; l' obiettivo era affossare i Dico. La Chiesa italiana, insomma, scese in campo, serrando le fila, in nome di valori morali non negoziabili ma combattendo una battaglia politica. La manifestazione del prossimo 30 gennaio, invece, non è voluta dalla Cei e su di essa i vescovi hanno espresso opinioni diverse. Le associazioni cattoliche non sono obbligate a partecipare e infatti solo alcune saranno presenti. Realtà ecclesiali come il Movimento dei Focolari hanno espresso perplessità e Comunione e Liberazione non ha preso posizione. L' Associazione Scienza e Vita non aderisce ma alcuni suoi rappresentanti saranno presenti. Il Forum delle Famiglie, in sintonia con mons. Galantino segretario generale della Cei, si preoccupa di evitare il muro contro muro e cerca di promuovere una discussione approfondita. E così via. Insomma, non bisogna confondere continuità dottrinale e scelte storiche. Indubbiamente, alcune convinzioni di fondo in tema di famiglia prevaleva ieri e prevalgono anche oggi tra i cattolici, ma sarebbe strano se non fosse così. Al tempo stesso, però, proprio questa continuità mette in luce diversità che non sono affatto scontate e che potrebbero non esserci. Le posizioni di chi, dentro il Pd, propone di modificare la proposta Cirinnà ma si preoccupa di escludere collegamenti con i cattolici di altri partiti impegnati sullo stesso terreno - insomma, niente rifondazione democristiana o partito neocentrista - sembrano indietro di due giri. È infatti tramontata da tempo l' unità politica dei cattolici dentro un partito, la Dc che, proprio perché beneficiaria di tale unità, non si comportava da partito cattolico e cercava la collaborazione con i laici (la mobilitazione referendaria contro il divorzio rimase un' eccezione). Ed è anche finita la stagione berlusconiana, in cui l' unità politica dei cattolici è stata non esplicitamente imposta ma implicitamente proposta, non all' interno di un partito ma dentro uno schieramento, il centro-destra berlusconiano, perché sensibile - si sosteneva - alle conseguenze sul piano legislativo dei valori non negoziabili. Alcuni teocon, ispirati da Ruini, pur appartenendo alla maggioranza di centro-sinistra sono giunti, nel 2007, perfino a votare la sfiducia al governo Prodi. Una catena consequenziale troppo stretta, insomma, portava la Chiesa a sostenere Berlusconi: era questa la posta in gioco dietro la questione dei Dico. Archiviato il bipolarismo berlusconiano che enfatizzava lo scontro confessionale tra laici e cattolici, grazie a papa Francesco oggi i secondi possono talvolta convergere sul piano pubblico, non per affermare se stessi o per combattere altri, ma su questioni specifiche e senza posizioni di parte. La manifestazione del 30 gennaio, anche se numerosa, non riporterà indietro la storia. La parziale convergenza attuale tra cattolici di diversi partiti intorno alla differenza tra matrimonio ed unioni civili e al complesso nodo dei figli in coppie omosessuali, non prelude né ad un nuovo partito cattolico né a sostenere uno schieramento confessionale. La loro insistenza su alcuni temi - ma su questioni come l'"utero in affitto" la preoccupazione è condivisa da cattolici e laici, eterosessuali e omosessuali, soprattutto donne - può risultare a qualcuno fastidiosa. Ma la presenza anche di un punto di vista religioso, come notava Jurgen Habermas, arricchisce il dibattito pubblico e migliora la qualità della democrazia. (Agostino Giovagnoli, La Repubblica)

 

Letto 31831 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

2175 commenti

Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici