Domenica, 25 Luglio 2021 16:33

Fraternità di Cellole. Otto anni dopo l'inaugurazione

Scritto da 

Otto anni dopo l'inaugurazione di una delle cinque sedi del Monastero di Bose (7 aprile 2013), siamo saliti alla Pieve a Cellole, anche per parlare della prossima Summer School on Religion.

 

Cronaca di una visita, di amicizia e fraternità

 

Il nostro Centro ha guardato con interesse e amicizia la Fraternità di Cellole, una delle cinque sedi del Monastero di Bose, fin dalla sua inaugurazione il 7 aprile 2013.

Ci eravamo anche noi, felici come tutti gli altri presenti. Nasceva (o rinasceva?) qualcosa di insolito e di bello. In una situazione esistenziale quasi sempre assuefatta al solito e al brutto (o peggio “insignificante”). Era ed è una promessa di qualcosa di nuovo. Dal magnifico bosco grande in cui si specchia la Pieve di Cellole e dai campi e boschetti che la circondano spirava e spira un vento diverso, carico di quelle cose invisibili, che non pesano ma che sono il vero sale della vita. Si chiami spirito religioso, misticismo, spiritualità: fa lo stesso. Tutto questo rappresenta Cellole oggi per San Gimignano e per il mondo intero.

 

Preparandoci a licenziare il programma della XXVIII Summer School on Religion di San Gimignano e Passignano, dopo lo sconvolgimento della pandemia e altri sconvolgimenti che hanno turbato la vita della Fraternità di Cellole e la Comunità del Monastero di Bose, siamo saliti verso la Pieve accolti dal sorriso e dalla ospitalità ben nota a chi frequenta la fraternità di Emiliano e altri confratelli. Abbiamo discusso a lungo del tema della prossima Summer School (“Narciso in frantumi. Effetti della pandemia sull’ordine del mondo”) ma anche della situazione della comunità e di Enzo Bianchi, fondatore della comunità e priore fino a pochi anni fa. Enzo Bianchi, amico del nostro Centro, persona cara a tutti coloro i quali sta a cuore il Vangelo e cercano di viverlo negli atti di tutti i giorni, uomo di fede da rispettare e proteggere.

 

Ci siamo lasciati con la promessa di ritornare su questi argomenti: la pandemia e la ricerca di una nuova spiritualità, la situazione esistenziale dell’umanità oggi e di come curare le ferite procurate dagli sconvolgimenti di cui sopra. Di ritornarci con iniziative che abbiano una comune ispirazione, magari a partire dalla prossima Summer School on Religion di fine agosto.

 

Arnaldo Nesti

Giampiero Galgani

Giuseppe Picone

 

Sabato 17 luglio 2021

 

L'incanto di Pieve a Cellole

 

7 aprile 2013. Cerimonia inaugurale

 

Pieve a Cellole. Un particolare della facciata

 

Tra gli altri, durante l'inaugurazione, Enzo Bianchi e Arnaldo Nesti

 


Centro Internazionale di Studi sul Religioso Contemporaneo
C.P. 11 – Via San Giovanni, 38 – 53037 San Gimignano (SI)
Tel.: 0577 906102 (fax 0577 990381)
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Web: www.asfer.it

Letto 118 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti
In primo piano
Canali Tematici